Templates by BIGtheme NET

Facebook e Instagram down a causa di un rutto record in Valtiberina

Nessun attacco informatico, solo una maxi interferenza dovuta al mortifero cavo orale di un contadino del Trebbio

Come sicuramente avrete sperimentato anche voi, durante la giornata di ieri Facebook e Instagram – ma non solo – hanno fatto registrare una prolungata inaccessibilità ai propri servizi, durata oltre 10 ore ed estesa al mondo intero. Le maggiori difficoltà sono state riscontrate in Valtiberina, che oggi scopriamo essere l’epicentro di un’emergenza globale che ha compromesso quasi irreversibilmente la pubblicazione di post indignati, buongiornissimi!1, opinioni su calcio e politica, ma anche spassose stories a base di cene, serate e culi.

Dopo una lunga attività di indagine, i tecnici dei social network più conosciuti hanno individuato la causa di questo grave malfunzionamento. Tutto sarebbe nato all’interno di una delle tante case coloniche presenti nella frazione Trebbio, a Sansepolcro. Qui un agricoltore tanto anziano quanto incosciente avrebbe assimilato un quantitativo pressoché micidiale di Coca Cola del nipote dopo uno snack a base di pane con perine e cipolla, tre etti di soprossata e mezza bustata di ciccioli.

Concluso il pasto, ecco quindi l’emissione di un vero e proprio ‘rombo di tuono’ che dalla cavità orale dell’anziano si è rapidamente propagato nello spazio sovrapponendosi alle varie onde e frequenze a cui siamo sottoposti quotidianamente con i seguenti effetti: interferenze alle comunicazione telefoniche, radio e tv, malfunzionamenti della rete internet, gps e stazioni satellitari temporaneamente in tilt.

Smentite dunque le voci di attacchi di tipo DDoS (Distributed Denial of Service) in quello che si è comunque rilevato il più grave down della storia di internet e dei social network.

Melissa Zotezio

Farneticante millantatore dal 1988.