Templates by BIGtheme NET

Archeologia, ritrovati i resti del primo semiasse fracassato sulla E45

L’appennino tosco-romagnolo si conferma ancora una volta terra di scoperte favolose. Dopo il rinvenimento della celebre tana del Bianconiglio e delle introvabili carte della Zingara Cloris, l’Anas ha costretto gli automobilisti della E45 all’uscita forzata all’altezza di Bagno di Romagna a causa di un clamoroso ritrovamento all’interno di un pilastro dei sempre sicurissimi viadotti del Verghereto.

Dopo decenni di incidenti, danneggiamenti, e disagi vari ai danni di migliaia di automobili, sarebbe stato infatti ritrovata la salma del primo, storico ‘caduto’ lungo la rinomata tratta Orte-Ravenna: un semiasse. Secondo gli esperti addetti alla ricostruzione delle dinamiche, il pezzo sarebbe appartenuto ad un’Alfa Giulia 1600 Super del 1969, colpevole di aver aperto il gas all’altezza di Valsavignone (direzione verso nord) raggiungendo i 95 km di velocità nei pressi di Canili.

Melissa Zotezio

Farneticante millantatore dal 1988.