Templates by BIGtheme NET

Pd: alle primarie di Carnevale stravince Salvini

Ancora una volta emerge una grande differenza tra voto popolare e giuria di qualità

L’alta affluenza ai seggi premia il leader leghista, ma il voto della giuria di qualità stravolge il risultato e consente la vittoria al favorito Nicola Zingaretti. Non è bastata la mossa a sorpresa di Martina e Giachetti di fare votare Salvini in chiave anti-Zingari, anzi Zingaretti, dato che il Presidente della Regione Lazio alla fine è risultato vincitore del campionato aziendale interno del Partito Democratico.

Matteo Salvini, grazie alla mobilitazione leghista, era risultato vincitore del voto popolare con una percentuale vicina al 50%, superando anche il consenso ottenuto da Ultimo a Sanremo. Davvero impressionante vedere come il Ministro dell’Interno sia riuscito a conquistare gran parte dell’elettorato Pd dopo aver preso possesso anche di metà di quello del Movimento Cinque Stelle. Questa dinamica non poteva sfuggire alla giuria di qualità composta da saggi presieduta da Romano Prodi che compattamente hanno unito i propri pesanti voti e hanno ribaltato il voto popolare premiando Zingaretti.

L’ultima domenica di Carnevale rimarrà nella storia della sempre più confusa politica italiana che, dopo il caso Sanremo, dimostra ancora una volta di non tenere conto del voto della gente. Puntuale l’esposto delle Associazioni dei consumatori che chiedono il rimborso dei due euro pagati da ogni votante. Abbiamo cercato di comprendere una morale politica che giustificasse la buona affluenza a queste primarie e forse abbiamo compreso che la voglia di levarsi dai coglioni Matteo Renzi sia stato il vero motore della mobilitazione dell’elettorato Pd.

Jurgen Sparwasser

Una carriera come mezzala al Magdeburgo con un bottino di una Coppa delle Coppe, tre scudetti e quattro coppe nazionali. La sera del 22 giugno 1974 la sua vita cambia. Abbandona la Germania Orientale per dedicare tutta la sua vita a scrivere articoli giornalistici per lo Zozzo.