Templates by BIGtheme NET

Golpe Calesse, Sansepolcro come Ankara

Sulla scia dei caotici fatti di Ankara, un manipolo di biturgensi armati fino ai denti ha maldestramente tentato di rovesciare il neo ordine democraticamente costituito con un atto di forza nella notte tra il 18 e il 19 Luglio. L’intento dei Golpisti locali era quello di insediare stabilmente Calesse nelle mura di palazzo delle Laudi.

Una voce anonima ha dato l’allarme insospettita dalla presenza di dodici carri armati posizionati in Piazza Torre di Berta, seminascosti da un lenzuolo giallo. Nel piano degli eversivi l’inizio del Golpe è affidato ad un folto gruppo di bovini, sottratti agli anziani agricoltori e guidato nei pressi di Porta Fiorentina. Tale assemblamento avrebbe dovuto procurare lo stato d’allerta e convogliando su di se l’attenzione degli agenti di pubblica sicurezza.

Nello stesso momento un piccolissimo nucleo di incursori, dopo aver risalito le acque ghiaccissime del Tevere, sarebbe saltato fuori dall’omonimo ponte, unica via di entrata e uscita alla città, bloccando il famoso punto di passaggio con filo spinato e armi d’assalto. Diverse le macchine argirate immediatamente.

Intorno alle 2.00 la fase critica dell’attacco al potere: quattro bellicosi vengono paracadutati sul tetto della sede di TTV dove, una volta immobilizzati e resi inoffensivi i noti cronisti, prendono assoluto possesso degli impianti di diffusione. Stessa sorte per l’emittente radiofonica RVT presa d’assalto a colpi di berci e bastonate da fanatici del posto.

Alle 3.00 in punto, l’icona biturgense Calesse viene fatto fuoriuscire dal suo personalissimo sarcofago in mogano e traslato negli uffici amministrativi. Alle 3.05 una bandiera raffigurante il profilo di Calesse sventola fiera fino al loggiato comunale.

Immediatamente sequestrati tutti i vari dissidenti e nemici del nuovo leader che vengono temporaneamente rinchiusi a Cucciolandia in attesa di giudizio, sorvegliati dal gruppo paramilitare A.D.L. Amici di Calesse.

Alle 4.00 vengono emessi i dieci punti cardine del neonato Governo Calesse:

1- Ripristino immediato delle case chiuse 
2- Sansepolcro Calcio forzatamente promosso in Champions League
3- Uscita immediata della Valtiberina dalla UE
4- Innalzamento delle mura cittadine fino alle nuvole
5- Costruzione di un porto per instaurare commercio con l’Asia
6- Effige di Gheddafi sotto l’arco di Porta Fiorentina
7- Intitolazione dello stadio Buitoni a Calesse stesso
8- Più night meno farmacie
9- Tutti gli abitanti dovranno vestire come Calesse
10- Persecuzione e messa al bando dei dentisti, da sempre nemici del Calesse

Proprio quando il nuovo ordine sembrava ormai aver preso il controllo totale del Borgo, ecco il colpo di scena: le forze democratiche danno l’allarme generale che porterà ad una rapida soppressione del golpe da parte dei precedenti amministratori. A nulla è servito il breve conflitto nei pressi dell’Istituto D’Arte: i Golpisti sono stati tutti arrestati e fatti sparire nei pressi del Lago del Roselli.

Per ovvie ragioni di sicurezza, tale notizia è trapelata solo in data odierna.

–Il Maraja–

calex-golpe-borgo2

Lo Zozzo

Un blog bello.